Endodonzia

Endodonzia


L'endodonzia è una branca della medicina dentale specializzata nel trattamento e nella gestione delle condizioni che colpiscono la polpa dentale o l'interno del dente.

Viene utilizzato quando la polpa dentale, che contiene i nervi del dente, le arteriole, il tessuto linfatico, il tessuto fibroso e le venule, viene ferita, danneggiata o malata.

L'obiettivo primario è quello di salvare il dente naturale il più a lungo possibile, proteggendo così anche i pazienti dal lungo processo e dagli alti costi di sostituzione del dente.


L’endodontista

Nell'esercizio delle loro funzioni, gli endodontisti utilizzano diversi strumenti, comprese le tecnologie di Imaging digitale, e svolgono diverse procedure di trattamento, tra cui:

  • Terapia endodontica, o più comunemente nota come terapia canalare.
  • Ritiro endodontico, che può essere simile al trattamento originale o passare a una procedura più aggressiva, come un intervento chirurgico.
  • Chirurgia orale.
  • Trattamento del trauma dentale.
  • Trattamento di denti screpolati o danneggiati.

La chirurgia non è sempre necessaria nel trattamento dei problemi della polpa dentale. Tuttavia, alcune circostanze possono rendere impossibile la terapia del canale radicolare primaria, come quando è coinvolta la calcificazione.

La calcificazione si riferisce all'accumulo di depositi di calcio nel canale radicolare, rendendo gli strumenti utilizzati nella terapia non chirurgica in grado di accedere all'estremità della radice.

La chirurgia può aprire il canale, pulirlo ed eseguire il trattamento necessario. Inoltre, è anche meglio considerare un intervento chirurgico se il dente interessato continua a essere doloroso anche dopo una terapia o un ritrattamento del canale radicolare di successo.

Leggi di più

Tipologie di interventi

Il tipo più comune di chirurgia endodontica è l'apicectomia, nota anche come resezione dell'estremità della radice. Questa procedura richiede che l'endodontista esegua un'incisione attraverso il tessuto gengivale per accedere all'osso sottostante in modo da poter rimuovere il tessuto infetto e l'estremità della radice del dente.

Il dentista termina la procedura sigillando le estremità del canale radicolare con un piccolo riempimento prima di suturare le gengive. Le procedure del canale radicolare possono essere dolorose, ma gli anestetici locali le rendono gestibili.

Inoltre, non richiedono lunghi tempi di inattività per il recupero, con la maggior parte dei pazienti in grado di riprendere le normali attività il giorno dopo la procedura. Sebbene sia normale provare qualche disagio post-chirurgico, questo è generalmente lieve e non interferisce con le normali attività.

Prenota una Visita

 

Oppure chiamaci per fissare un appuntamento

Telefono
Whatsapp
Email