Come prevenire le carie ai denti

Fattori di crescita piastrinici
Fattori di crescita piastrinici
25 Settembre 2021
Carie ai denti sintomi e cause
15 Ottobre 2021

Come prevenire le carie ai denti

Le carie sono uno dei problemi più diffusi che un dentista si trova ad affrontare quotidianamente! Non tutti sanno come prevenire le carie ai denti, ecco perchè abbiamo scritto questo articolo, che vuole mettere in risalto le pratiche corrette!

Come prevenire le carie ai denti, lo chiediamo allo Studio Dentistico Caldarini!

Lo studio Dentistico Dario Caldarini, sito in Limbiate, è un valido punto di riferimento per risolvere qualsiasi tipo di problema con i denti e compiere le periodiche visite per la pulizia dentale. Le opzioni di cura presenti nello studio e le specializzazioni dei suoi dottori ne fanno uno dei centri più innovativi e all’avanguardia nelle terapie odontoiatriche e un punto di riferimento anche per alcuni servizi collegati alla medicina estetica ed anti-aging, all’osteopatia e alla fisioterapia.

Uno staff d’eccellenza

Non sono molti i centri dentali specializzati in zona, che possono vantare un’offerta completa e strutturata come la nostra. Il Dott. Dario Caldarini, direttore del centro è laureato in Medicina e Chirurgia presso L’Università degli Studi di Milano; specialista in Chirurgia Generale, Ortodonzia e Medicina Estetica vanta un’esperienza ventennale in Implantologia e Chirurgia Orale. Insieme a lui collabora il Dott. Gustavo Saralvo, Medico Chirurgo Dentista, che dal 1985 si occupa soprattutto di Ortodonzia, presso il suo studio a Milano. A completare la squadra due ottime assistenti alla poltrona, Giuffrida Carmela e Cioffi Laura e un odontotecnico, Tinelli Piero.

Prevenire è meglio che curare! E costa anche meno!

Partendo da questo semplice ma efficace spot pubblicitario di trent’anni fa, la cui attualità è rimasta immutata, partiamo indicando cos’è una carie e perché la prevenzione in bambini e adulti è così importante! Sappiamo che le carie si formano in seguito alla capacità dei batteri della bocca di trasformare lo zucchero in energia. Questa trasformazione porta alla produzione di acidi che danneggiano progressivamente i denti. E’ un problema correlato all’alimentazione che progressivamente inizia con una macchia bianca o scura sul dente che si trasforma con il tempo in un buco. Potenzialmente la carie può causare ascessi dentali o persino la perdita dei denti. Una buona igiene orale è fondamentale per prevenire la carie.

Le fasi delle carie

La placca dentale è importante per il processo di carie. La placca è una pellicola incolore e appiccicosa che ricopre le superfici dei denti. È composto da batteri, particelle di cibo e saliva. Se i denti non vengono puliti regolarmente, la placca può iniziare a formarsi, col tempo indurirsi, andando a formare il tartaro. La presenza di tartaro può agevolare i batteri che protetti da questo strato, diventano più difficili da rimuovere. 

Ci sono cinque fasi della carie:

  • Fase 1: demineralizzazione iniziale

Lo smalto è il tessuto più duro nel corpo ed è costituito principalmente da minerali. Tuttavia, quando un dente è esposto agli acidi prodotti dai batteri della placca, lo smalto inizia a perdere questi minerali. Le macchie marroni o bianche che si formano sul dente indicano che in questa zona c’è una di perdita di minerali è un segno iniziale di carie.

  • Fase 2: decadimento dello smalto

Se si lascia continuare il processo lo smalto si rovina ulteriormente. Quando lo smalto si indebolisce, possono formarsi piccoli fori nei denti chiamati cavità o carie dentale

  • Fase 3: decadimento della dentina

La dentina è il tessuto che si trova sotto lo smalto. È più morbido dello smalto, il che lo rende più sensibile ai danni provocati dall’acido. Per questo motivo, la carie procede più velocemente quando raggiunge la dentina. La dentina contiene collegamenti  che portano ai nervi del dente, in questa fase potresti iniziare a provare sensibilità. Potresti notare in particolare quando mangi cibi o bevande caldi o freddi.

  • Fase 4: danno alla polpa

La polpa è lo strato più interno dei denti, una volta raggiunta dalla carie, può irritarsi e iniziare a gonfiarsi. Poiché i tessuti circostanti nel dente non possono espandersi per accogliere questo gonfiore, si crea una pressione sui nervi. Questo può portare al dolore.

  • Fase 5: ascesso

Man mano che la carie avanza nella polpa, i batteri possono invadere e causare un’infezione. L’aumento dell’infiammazione nel dente può portare alla formazione di una tasca di pus nella parte inferiore del dente, chiamata ascesso.

Vuoi ricevere maggiori informazioni su come prevenire le carie ai denti? Prenota un appuntamento con lo Studio dentistico Dario Caldarini allo 0299053469 oppure al 3356245448!

Carie dentaria, chi comincia bene è a metà dell’opera!

I bambini possono essere più suscettibili alle carie rispetto agli adulti. Questo perché lo smalto dei denti da latte di un bambino è più sottile e più sensibile dello smalto degli adulti. I motivi per la formazione delle carie tra adulti e bambini sono sempre quelli menzionati in precedenza, nessuna differenza. Bisogna ammettere però che, per assumere le corrette abitudini di igiene dentale è meglio cominciare da piccoli! Una volta acquisita l’abitudine nei bambini, si è già a metà dell’opera, infatti è più semplice creare un’abitudine in un bambino, piuttosto che un adulto.

Come prevenire le carie ai denti: la cura quotidiana è fondamentale!

Tanto per gli adulti quanto per i bambini è fondamentale utilizzare lo spazzolino da denti e usare il filo interdentale ogni giorno! Per i bambini piccoli puoi provare a pulire le gengive con un panno morbido o una garza per eliminare la placca prima della comparsa dei primi dentini. Quando compariranno i primi dentini, puliscigli i denti con l’aiuto di uno spazzolino morbido. Se tuo figlio ha meno di tre anni, puoi sciacquare la bocca con un dentifricio al fluoro. Insegna ai bambini maggiori di tre anni a lavarsi i denti correttamente e due volte al giorno. Di tanto in tanto, passagli il filo interdentale.

Riduci lo zucchero

Evita di somministrare, in particolare ai bambini, cibi o bevande zuccherate in quanto ciò può portare alla carie. Togli sempre il biberon dalla bocca del bambino prima che si addormenti. Questa pratica aiuta a prevenire che i batteri della bocca producono acidi che portano alla carie da biberon. I bambini di età superiore ai tre anni non dovrebbero ricevere caramelle, cioccolatini o lecca-lecca poiché sono carichi di zucchero. Gli adulti dovrebbero essere più attenti alla quantità e alla composizione delle bevande che consumano, in particolare quelle che contengono zucchero, compreso gli snack!

Servi cibi sani per il tuo bambino

Assumere cibi nutrienti può aiutare a tenere a bada la carie. Assicurarsi di mangiare frutta fresca, verdura e frutta è l’ottimale, sicuramente meglio dei succhi di frutta che contengono un’enorme quantità di calorie e zuccheri aggiunti. Mozzarella e altri formaggi, yogurt e latte fanno bene ai denti. Possono aiutare a liberare la bocca dagli zuccheri nocivi e a proteggere dalla placca. Inoltre è importante, se non è possibile lavarsi i denti, sciacquare bene la bocca dopo ogni pasto.

Quanti tipi di carie ci sono?

Come prevenire le carie ai denti

Abbiamo visto come si formano le carie ma quanti tipi di carie esistono? A seconda della posizione e dello stato del danno, l’odontoiatria distingue tra vari tipi di carie dentaria. Questo danno può verificarsi sia nei denti da latte che nei denti permanenti nei bambini e negli adulti. Sapere quale tipo di carie è coinvolto è importante per applicare il trattamento più appropriato.

Carie della corona

La carie della corona è il deterioramento dello smalto che appare nell’area visibile del dente, l’area sopra la gengiva. Sono più comuni tra i giovani e i bambini e colpiscono principalmente i molari.

Carie da fessura

Sfruttando le piccole fessure, tipiche dell’anatomia dello smalto che ricopre il dente, i batteri patogeni presenti nella placca dentale si depositano facilmente e, a poco a poco, deteriorano la struttura dello smalto. Questo è noto come carie fissurale.

Carie della radice

Quando alla radice del dente manca lo strato di smalto che lo protegge dall’esterno si verifica la recessione gengivale, la radice del dente può essere esposta, lasciando la dentina esposta all’azione della placca dentale. Quando i batteri danneggiano quest’area, si parla di carie radicolare, che è una delle principali cause di perdita dei denti.

Carie interdentale

Gli spazi interprossimali sono le grandi aree dimenticate nella pulizia dentale. Questi spazi tra i denti dove di solito rimane il cibo sono i principali serbatoi di placca dentale, dove spesso si verifica la carie interdentale. Quando si verifica una cavità tra due denti, l’unico modo per rilevarla è visitare il dentista.

Conclusioni

La visita dal dentista per le pulizie professionali e gli esami odontoiatrici sono dunque essenziali sia per i bambini che per gli adulti. Durante ogni visita, vengono utilizzati strumenti specializzati per eliminare l’accumulo nelle aree della bocca che non possono essere raggiunte con un normale spazzolino da denti. Le visite regolari ci offrono anche l’opportunità di verificare, sia per gli adulti che per i bambini, se le cure dedicate ai denti sono adeguate o meno. Così facendo il dentista può individuare i nuovi passi che devono essere fatti a casa, per rispondere alle mutevoli esigenze dentali. Come prevenire le carie ai denti è quindi frutto di un’azione costante e regolare che vede alla base l’igiene dentale a casa più i regolari controlli previsti dal dentista. 

Telefono
Whatsapp
Email